C'e' Crisi! Consiglia - Enel Killer del Clima


Siamo già in 9131 a sostenere la campagna di GreenPeace “Facciamo Luce su Enel” e dobbiamo continuare a fare pressione.

Per questo vi chiedo di unirvi a me nell’operazione “Enel Clima Killer.”  Potete farlo visitando il mio Dossier ed aderire al Reparto Investigazioni Climatiche di Greenpeace. Iscrivendovi all’operazione, invierete a Enel un avviso di garanzia per reato ambientale, climatico e sanitario.


Con le sue pubblicità Enel fa di tutto per mostrarsi un’azienda che investe in energia pulita e, invece, è solo greenwashing: il modo con cui Enel produce energia è un’eredità dei nostri nonni.


Ecco gli indizi che ho raccolto finora nel mio ruolo di recluta. Fate circolare anche sui social media.


Il crimine


-          Secondo le previsioni dell’IPCC se non si ridurranno presto le emissioni di gas serra la temperatura superficiale della Terra, entro la fine di questo secolo, crescerà tra gli 1,8 e i 4 gradi centigradi.

-          In questo scenario fatto di desertificazioni, alluvioni, freddi eccezionali come quelli dello scorso febbraio, s’inseriscono molte delle tragedie cui abbiamo assistito inermi negli ultimi mesi:


o       le alluvioni delle Cinque Terre (25 ottobre 2011, 12 morti),
o       di Genova (4 novembre 2011, 6 morti),
o       di Messina (22 novembre 2011, 3 morti).
           
            E sono solo alcune delle molte calamità di cui siamo tutti testimoni.

Fatto
Enel, con le sue centrali a carbone, produce da sola in Italia oltre 26 milioni di tonnellate di CO2.

Fatto
La CO2 è il gas maggiormente responsabile dell’effetto serra.

Fatto
Il carbone è responsabile di oltre il 40% del totale delle emissioni di CO2 e rappresenta il modo peggiore e più inquinante di produrre energia elettrica.

Fatto
Se i costi di questi danni sanitari e ambientali venissero contabilizzati, il mercato si orienterebbe definitivamente verso le fonti rinnovabili come il solare o l’eolico.

Perchè non è ancora stato Fatto?


Lindiziato


Fatto
Su 37,3 milioni di tonnellate di CO2 emesse nel 2010, 26,2 provenivano dalle centrali Enel.

Fatto
Oltre 700 milioni di euro. È questo l’ammontare dei danni sanitari e ambientali, secondo l’AEA, causati dalla vecchia centrale di Brindisi nel solo 2009.

Fatto
Enel possiede 8 delle 13 centrali a carbone operanti in Italia. E intende costruirne almeno altre due, solo in Italia.


La Missione


Fermiamo Enel. Salviamo il Clima, preparando una Rivoluzione Energetica basata su fonti rinnovabili ed efficienza.

Chiediamo a Enel di:

  1. Ritirare tutti i progetti di nuovi impianti a carbone, cominciando da quelli di Porto Tolle (Rovigo) e Rossano Calabro (Cosenza);
  2. Cominciare da subito l’abbandono progressivo dell’uso del carbone, da completare entro il 2030;
  3. Approntare un nuovo piano industriale, che segni un forte investimento sulle fonti rinnovabili. E per ogni kilowattora pulito un kilowattora sporco in meno in rete.

8 commenti :

  1. C'è un articolo su Repubblica di oggi, al proposito, che è agghiacciante!! Ti dico solo che in questi giorni stavamo valutando l'ipotesi di mettere i pannelli fotovoltaici e, leggendo le affermazioni di Enel al riguardo, quel 10% di dubbio residuo che avevo (legato a una questioni di sostenibilità di costi per il nostro budget familiare, perchè dal punto di vista ambientale non si discute) è stato spazzato via!!! Maledetti!!
    Se sei interessata (e per chiunque altro lo fosse) ecco il link: http://www.repubblica.it/static/includes/common/interstitial.html?href=http%3A%2F%2Fwww.repubblica.it%2Fambiente%2F2012%2F03%2F30%2Fnews%2Fenel_contro_rischi_rinnovabili%2D32459174%2F%3Fref%3DHREC2%2D3

    RispondiElimina
  2. Grazie per il link Francesca; sono andata subito a leggermi l'articolo e in effetti il CEO di Enel e' di una falsita' inaudita. Ma a lui cosa gliene frega se vengono diminuiti gli incentivi sulle energie rinnovabili se nell'ultimo anno l'Enel non ci ha investito neanche un soldo e anzi continua ad investire nel carbone?

    Poverini, i loro impianti non funzionano bene se sono usati poco... poco sto cavolo! L'ultima bolletta che ci e' arrivata era di 600 euro....!

    L'autore dell'articolo poi, Valerio Gualerzi, parla di boom della produzione di risorse pulite che coprono gia' 1/4 del fabbisogno energetico.

    Gia' 1/4? Ma dovremmo solo vergognarci che copra solo un quarto e non meta' o la totalita', visto che degli effetti del CO2 se ne parla da decenni e il Governo ha praticamente tagliato gli incentivi per il solare (brutta notizia per te) per i privati, fregandosene della nostra salute e di quella del pianeta, e solo per salvaguardare gli interessi di Enel....

    Vabbe', non mi dilungo che potrei diventare volgare.

    Grazie ancora per essere passata. Bacioni.
    Topogina

    RispondiElimina
  3. sono in accordo con voi e con le vostre idee, speriamo lo siano anche altre centinaia e centinaia di persone per il nostro bene e per quello dei nostri figli.

    RispondiElimina
  4. Dovremmo anche noi cercare di risparmiare energia però...

    Un abbraccio cara e buona serata!

    RispondiElimina
  5. ciao,ti ho conosciuta sul blog di fairy creativa..quante cose interessanti nel tuo blog..complimenti..ti seguo..=)

    RispondiElimina
  6. Ciao!
    Interessantissimo post!
    Per ringraziarti del tuo impegno nella comunicazione ambientale ho deciso di insignirti del bollo BLOG AFFIDABILE 100%. Vieni a ritirarlo qui:
    http://www.risparmiaredenaro.com/2012/04/blog-100-affidabile.html

    Ciao e buona settimana!

    RispondiElimina
  7. Mi associo alla vostra protesta, sperando di giungere quanto prima ad un risultato positivo ,perche' di questo passo mi stanno distruggendo il mio pianeta.

    RispondiElimina
  8. non ne sapevo nulla! Grazie per le informazioni!

    RispondiElimina