Cose Belle dal Web - Little Houses ovvero Le Casette


Il termine casa proviene dal latino càsa, ossia "capanna" ed è una delle mie parole preferite. Il termine casetta o little house mi piace ancora di più, mi ricorda la casetta dei 7 nani dove ci nascondevamo all’asilo per far arrabbiare le suore, mi ricorda la casa sull’albero che non ho mai avuto ma tanto sognato da bambina, mi ricorda le tende che creavo con qualche sedia e l’aiuto di lenzuola e coperte solo per il gusto di nascondermi per qualche ora e i fortini fatti con gli scatoloni grandi nei quali trascinavo contro la loro volontà anche cani e gatti.


Se penso alle case in cui ho vissuto fino ad oggi, e sono davvero tante considerando i miei soggiorni tra la piovosa Inghilterra, la verde Irlanda e l’assolata Spagna, nessuna mi rappresentava davvero.

Forse é perché ho sempre affittato, forse dipende dal senso di temporaneità che bussava sul mio subconscio perché sapevo di non aver trovato la 'mia vera casa', fatto sta che non mi sono mai permessa di pitturare le mura del mio colore preferito o apportare alcuna modifica sostanziale.



Nell’epoca in cui viviamo dove sembra che più una casa è grande e lussuosa e più i suoi abitanti sono persone felici io mi sento all’opposto. Saró strana ma lo spazio che mi serve per vivere è davvero poco. Un luogo dove cucinare e mangiare, uno per lavorare da casa e un letto, nulla di più… magari un orticello dove crescere frutta e verdure di stagione. Ecco, tutto qui!







La mia casa ideale è fatta di legno, condivisa con qualche coinquilino animale e qualche piantona rampicante, magari flottante sull’acqua così da potermi trasferire su nuove rive quando mi stanco del panorama o dalla forma rotonda e per metà sotterrata come le abitazioni degli Hobbit. Una sorta di tana mi renderebbe felice.


Sono sempre stata una city girl ma se incontrassi il Genio della lampada e potessi esprimere un desiderio chiederei di avere una casetta in un luogo appartato dove potermi svegliare ogni mattino al canto degli uccellini.


E voi? Come immaginate la vostra casetta ideale?
Il Genio potrebbe essere in ascolto!



n.b.: Avete notato che la raccolta è ancora aperta? È così in caso voleste aggiungere le vostre di casette….

Vi auguro un bellissimissimissimo week-end e vi bacio, alex


10 commenti :

  1. Ciao Alex, i tuoi post mi portano sempre nel mondo dei sogni. Io vivo già nella mia casa ideale, piccola piccola ma con veranda e giardino in cui la mia gattina si diverte a giocare. Sarebbe perfetta se solo nn fosse circondata da palazzi. Un bellissimissimo

    RispondiElimina
  2. Una casa su un albero, la fiaba nella mia mente.

    RispondiElimina
  3. Ciao, Alex,
    che coincidenza! Proprio ieri sera tardi, in pratica stanotte, ho postato una targhetta dei cognomi per la casa di una coppia di amici che, dopo aver cambiato decine di case, ha (forse) finalmente trovato quella dei propri sogni. In montagna, ma non troppo lontano da servizi e comodità varie. Grande, e non per darsi delle arie, ma per ospitare comodamente gli amici, a due e quattro zampe. Con l'orto, piccolino, ma che stanno curando con molto amore. Direi la casa ideale. Ora li vedo finalmente sereni.
    Quanto a me, dopo aver fatto anch'io un bel po' di traslochi e aver comprato (una fortuna di questi tempi) un appartamentino, non vivo nella casa dei sogni, ma in quella che mi sono potuta permettere, e avrei bisogno di tutto quello che ho scritto sopra, tranne la montagna. Mi piace andarci in vacanza, molto, ma per vivere tutta la vita io ho bisogno del mare, dove sono nata e dove non vivo più da molti, troppi anni. Vorrei anch'io una casa grande, per ospitare gli amici di carne e ossa e quelli di carta (ho migliaia di libri che in questa casa soffrono parecchio). Un giardino per leggere in pace e un orto per cucinare con ancora più amore. Una casa al mare, per osservare l'orizzonte infinito del mare come facevo un tempo e ritrovare la pace. Per fare il bagno e sentire il sale sulla pelle, per sentire le cicale la notte, i profumi della natura e per cucinare e mangiare all'aperto. Per poter mettere solo un abitino semplice e dei sandaletti bassi ed essere pronta per una passeggiata. Niente trucco, niente tacchi. Una grande cucina e un tavolo per almeno dodici persone. Una casa bianca, arredata con qualche pezzo recuperato da una vecchia barca o da un faro. Una casa con ampie finestre sempre aperte e tende bianche. Con tanto legno e meno plastica possibile. Con un laboratorio per gli hobby creativi miei e di mio marito.
    Oh, Genio, Genio, mi ascolterai un giorno?

    Mariangela

    RispondiElimina
  4. Spero di poter andare presto in Spagna deve essere meravigliosa.

    RispondiElimina
  5. Io ancora non mi sono "sistemata", i nostri trasferimenti non sono ancora finiti.
    Però ho un'unica certezza: vorrei vivere davanti al mare. Più che un desiderio direi che è una necessità!!!
    Ora ce l'ho a tre km, ma aprendo le finestre ancora non lo vedo!

    RispondiElimina
  6. Mi definisco una viaggiatrice, affamata di mondo, sempre con la valigia pronta. Nonostnate cio' per me casa può essere solo un luogo, il mio panorama, la montagna che sogno di vedere ogni mattina. Ora, dopo 9 anni vissuti in una casa che non sentivo mia, il mio sogno si sta avverando e a me sembra di toccare il cielo con un dito...sto costruendo la mia casa! Davanti alla mia montagna...
    Ti ho linkato le mie casette..che a suo tempo parteciparono ad un linky party...
    Ciaooo!

    RispondiElimina
  7. Che belle queste casette!
    La mia casa ideale è quella che ho........solo c'è ancora qualcosa da finire e mancano un po' di "aggiustamenti"...
    L'abbiamo costruita 7 anni fa.....è in legno (anche se è rivestita con cappotto in sughero intonacato perchè nel comune dove vivo non è possibile avere case in legno "a vista"....boh!) e la sera mi addormento con il gracidare delle rane (d'estate) e al mattino mi sveglio con il canto degli uccellini.....ho il mio orto, il mio giardino e la mia numerosa famiglia pelosa e non...questa è la mia idea di CASA!
    Bella la tua idea di casa flottante sull'acqua.....
    Buona domenica
    Serena

    RispondiElimina
  8. eh la casa! Io mi sento veramente a casa quando posso ritornare nella mia isola dove lei è ancora lì che mi aspetta per fortuna! E la casa che mi hanno lasciato i miei genitori con i quali ho vissuto i sacrifici. Mia mamma non sopportando più le angherie di un padrone di casa asfissiante, ha costretto mio padre a terminare una stanza che doveva essere un magazzino, e ci siamo trasferiti lì in meno di una settimana. Avevo 8 anni e dormivo su una cassapanca (che ho tuttora). A mano a mano mio padre faceva dei lavori e, dopo anni, ma tanti, la casa diciamo che è finita, ma ora da sistemare. Nel frattempo io mi sono sposata e sono andata a vivere lontano, e la mia casa non la posso visitare molto spesso. Ironia della sorte ho sposato un uomo che ha deciso di investire i suoi risparmi in alcune case (mai l'avesse fatto!) chi l'avrebbe detto che i tempi si sarebbero accaniti su di noi! Quindi ho avuto la fortuna di ritrovarmi anche due case del mio consorte, una al paese ed una al mare. Quella al paese, praticamente ricavata da un grande magazzino, abbiamo dovuto un po' abbandonarla per vari motivi; abitiamo praticamente al mare tutto l'anno, ma la casa ahinoi è vecchiotta e non sto a spiegare quante cose mi mancano e quanti disagi comporta! sta in un posto bello, ma invivibile d'estate. Dirai che sono un'incontentabile, ma la casa dei miei sogni me la sogno!!!

    RispondiElimina
  9. Ciao Alex, ho aggiunto la mia...cerca di essere clemente perchè quello era uno dei primi post e ancora non ci avevo capito molto di impaginazione. Però ho voluto metterla lo stesso, perchè insomma quella casa nella scatola rispecchia molto la mia...un bilocale non piccolo, ma comunque un bilocale. Quando l'ho comprato molti anni fa era la mia casa ideale, in pieno centro poi. Con l'andar degli anni accumula accumula, me lo sento sempre più stretto. Come il paguro bernardo vorrei sbarazzarmi di questa per cercarmene una un pò più grande, magari con un giardinetto. Se fosse di legno poi sarebbe proprio il mio sogno. Che il genio sia in ascolto?
    P.s. Le tende con sedie, lenzuola e coperte hanno fatto leva sui miei ricordi: anch'io le costruivo!

    RispondiElimina